Asthall Manor, la casa che fu di Nancy Mitford

Rosie Pearson, che ha acquistato Ashtall Manor nel 1997, ha aperto per il magazine Period Living le porte della dimora in cui la famosa scrittrice inglese  visse tra il 1919 e il 1926

Quando la collezionista d’arte Rosie Pearson prese possesso di Asthall Manor (Oxfordshire – Cotswolds – England ) nei primi anni ’90, sapeva che avrebbe dovuto tener conto della fama di questa dimora, perché per i lettori della famosa autrice britannica Asthall Manor era e sarà sempre la casa che appare nel libro “A caccia d’amore”, il romanzo più famoso di Mitford. Qualcosa di simile a un tempio, quindi, in cui ogni cambiamento o alterazione equivalgono ad autentici sacrilegi. Ma Rosie era determinata a condividere il suo amore per la scultura contemporanea e circa dieci anni fa, dopo aver riportato interni e giardini al loro antico splendore, ha aperto la tenuta per celebrare “On Form”, una mostra biennale all’aperto di scultura moderna. La curiosità ha superato l’indignazione e fin dalla prima edizione l’iniziativa ha incontrato un grande successo di pubblico, anche quello dei lettori più affezionati e intransigenti. 
In copertina e qui sopra: la cucina di Asthall Manor, dipinta di rosa,  rende vivace e allegro il centro della casa. Il grande tavolo da lavoro, tra fiori, frutta e verdure provenienti dal giardino, è l’indiscusso protagonista dell’ambiente. Lo spazio è ulteriormente vivacizzato dai colori della collezione di ceramiche artigianali di Rosie, disposta in bella vista sulle mensole (nel particolare qui sotto).

Nella pagina qui sopra, come in un collage, alcune immagini degli interni e del parco che fa da sfondo alle mostre di scultura contemporanea. Nella foto in basso, il living caratterizzato da un grande divano in un azzurro acceso e dal bow-window che illumina l’angolo pranzo.

Due antichi sofà gemelli, posti uno di fronte all’altro, rendono accogliente e raccolta la zona davanti al camino (in alto).

Qui sopra e in basso, le camere da letto, ognuna dotata di bagno, arredate nel tipico e affascinante stile british.


La storia completa nel magazine Period Living July 2018