La Provenza, tra villaggi incantevoli, canti di cicale e lavanda

Amo la Provenza, affascinante regione del sud della Francia, dove il tempo sembra scorrere più lento e la “douceur de vivre” raccontata in libri famosi quali Un anno in Provenza di Peter Mayle  o in film di atmosfera come Un’ottima annata con Russel Crow , è autentica e contagiosa. Trascorrere una vacanza in Provenza anche solo per pochi giorni è l’ideale per abbandonare i ritmi frenetici della vita di tutti i giorni, un vero toccasana per ritrovare se stessi e la gioia di vivere, scivolando nei ritmi calmi e rilassati di questa terra e dei suoi abitanti, tra villaggi di case in vecchia pietra e scenari di vita quotidiana ormai dimenticati nelle grandi città. E’ bello curiosare nei mercati colorati di spezie, tessuti e saponi, scoprire o ritrovare borghi antichi dai vicoli stretti e dalle persiane azzurre, immergersi, letteralmente, nei canti di cicale e nelle distese dei campi di lavanda d’estate.
Dei 156 più bei villaggi di Francia, 18 sono proprio in Provenza e tutti meritano una visita.

Uno di questi è senz’altro Gordes, splendido villaggio nel Luberon, con la piazza principale dalla grande fontana, famosa location del già citato film con Russel Crow.

Da non perdere nelle vicinanze L’Abbazia di Senanque, monastero medievale circondato da campi di lavanda: qui la comunità dei monaci dell’Abbazia coltiva diversi ettari di campi di lavanda per estrarne il famoso olio essenziale. Poco distante da Gordes c’è anche il Museo della Lavanda creato dai Lincelé, produttori e distillatori di lavanda da generazioni: una tappa irrinunciabile se volete conoscere di più questa pianta generosa e le mille virtù dei suoi fiori profumati.

Una città accogliente ed elegante e che offre tanto da vedere e da vivere in tutte le stagioni, è poi Aix en Provence, patria di Cézanne, dove la storia, l’arte e l’architettura barocca fanno da sfondo all’allegra vivacità cittadina. Saint Remy de Provence, capitale dell’arte di vivere alla maniera provenzale, è la meta ideale per un week-end romantico, per chi vuole apprezzare la gastronomia locale e i prodotti del territorio, per chi ama le gallerie d’arte o lo shopping. Se volete acquistare piatti, vasi e oggetti dai tipici colori provenzali e allo stesso tempo conoscere la storia dell’artigianato ceramico provenzale, dovete spingervi verso la costa: tutto ciò che è tradizione ceramica si trova a Vallauris, e nel Castello potete visitare anche il Museo della Ceramica e quello dedicato a Picasso, che proprio a Vallauris venne a scoprire l’arte del fuoco.

Se vi è piaciuto questo post, condividetelo sui canali social usando uno dei tasti qui sotto e seguitemi su Instagram,  Facebook e Pinterest  per rimanere sempre aggiornati!